Lotta alla processionaria, l'ordinanza del sindaco: obbligo a collaborare verso i privati cittadini proprietari di piante infestate da lepidotteri (processionaria e euprottide)

Pubblicato il 25/01/2021

Lotta alla processionaria, il sindaco ha emanato un'ordinanza a tutti i detentori di piante di pino e di quercia, al fine di procedere con le verifiche sugli alberi soggetti all’attacco degli insetti infestanti.
Secondo le indicazioni, nel caso venisse riscontra la presenza dei nidi di processionaria e/o di euprottide, si dovrà intervenire entro il mese di marzo con due modalità:
 


asportazione meccanica mediante taglio dei rami infestanti; il taglio dovrà interessare esclusivamente i rami dove sono presenti i nidi; tali rami dovranno essere racchiusi in appositi sacchi in materiale plastico al fine di evitare la dispersione in aria di parti pericolose per la salute umana e successivamente all’abbruciamento dei nidi;


lotta chimica che dovrà essere effettuata nel periodo febbraio-marzo 2021, in funzione degli andamenti climatici; l’irrorazione delle piante con idonei prodotti deve essere effettuata sia nella fronda che alla base al fine di colpire le larve all’uscita dal nido o durante il loro trasferimento a terra.


 
Nel periodo settembre ottobre andrà quindi effettuato un intervento di lotta biologica, in funzione degli andamenti climatici, mediante irrogazione delle chiome con prodotti selettivi. Gli interventi dovranno essere eseguiti in condizioni di sicurezza, avvalendosi di ditte specializzate che dovranno impiegare prodotti bioinsetticidi indicati nell'ordinanza.
L'amministrazione comunale, come previsto dalla nota della Regione Toscana, sta portando avanti azioni di monitoraggio sugli alberi presenti nei giardini pubblici, negli asili e nelle scuole.

Ultimo agg.to: 2021-03-14 17:29:10