Presentazione della riproduzione anastatica del processo di assoluzione di Frate Elia da Cortona Sabato 28 maggio 2016 ore 17,30 Convento di San Francesco

Pubblicato il 27/05/2016

Presentazione della riproduzione anastatica del processo di assoluzione
di Frate Elia da Cortona
 
Sabato 28 maggio 2016 ore 17,30 Convento di San Francesco
 
 
 
Sabato 28 maggio 2016 ore 17,30 Convento di San Francesco il prof. Attilio Bartoli Langeli, già docente di paleografia e diplomatica all’Univesrità di Perugia e presidente della deputazione di Storia patria per l’Umbria, presenterà la riproduzione anastatica del processo di assoluzione “in articulo mortis” di Frate Elia.
Il Centro studio Frate Elia di Cortona ha infatti ottenuto l’autorizzazione a riprodurre in alta risoluzione il documento conservato all’archivio sacro del Convento di Assisi, grazie al quale Papa Innocenzo IV convalida l’assoluzione della scomunica nella quale era incorso Frate Elia nel 1239.
Primo ministro generale dei fracescani, dotato di indubbie doti di governo e di organizzazione, Frate Elia ebbe però il torto di non valutare esattamente le forze spirituali dei francescanesimo, prima e l’esatta portata della lotta tra papato e impero poi.
Verso la fine del 1239 infatti sperò di conciliare Gregorio IX e Federico II in lotta, godendo della fiduzia di entrambi, ma recandosi a Pisa dall’imperatore incorse nella scomunica papale.
Nell’incontro di sabato 28 maggio verrà ripercosa la vicenda di tale storia approfondendo il ruolo di particolare rilievo che la chiesa cortonese ha ricoperto.
Fu infatti Bencio, arciprete della Pieve di Santa Maria di cortona, a confessare e ad assolvere materilamente Frate Elia, insieme a lui erano presenti il priore del monastero di cegliolo, i preti Ugo della chiesa di S.Cristoforo, Giunta della chiesa di S.Giorgio, Nercone della Chiesa di S.Marco Ventura della chiesa di S.Angelo a Succhio e tre notai, Cambio, Buiamonte e Ugone di Ranaldo. Il 22 aprile 1253 frate Elia muore a Cortona, oltre che riconciliato con la Chiesa in pace con se stesso e  i suoi fratelli.

Ultimo agg.to: 2021-05-19 18:29:22